Come già nel 2015, la rada (Locarno) in prossimità del Festival internazionale del film di Locarno espande temporaneamente la propria attività espositiva nello spazio posto allo stesso piano della centrale Swisscom, il Teatro dei Fauni, che ringraziamo caldamente e con cui nei fatti prosegue un’ottima sinergia e collaborazione.

Infatti nello spazio del Teatro dei Fauni venerdì 15 luglio alle ore 18 la rada aprirà la prima esposizione all’estero del progetto New Void del giovane artista italiano Alessandro Di Pietro (Como, 1987).

Partecipante all’esposizione Glitch – Interferenze tra arte e cinema, presso il PAC-Padiglione di arte contemporanea (Milano) nel 2014 e poi visto solo al CCC Strozzina (Firenze) nella selezione per il premio Visio, questo progetto è il risultato di un atto performativo di decostruzione processuale e concettuale del linguaggio cinematografico.

L’artista ha scelto d’impiegare – al posto della telecamera – uno scanner manuale applicato direttamente sullo schermo del suo computer. Il punto di partenza è il lungometraggio Enter the Void di Gaspar Noé (2009) da cui son state acquisite le immagini usate come materia prima. Si tratta di un’opera seminale nell’ambito del cinema sperimentale contemporaneo, ed il suo noto regista franco-argentino ha gradito l’esito di questo progetto di Alessandro Di Pietro.

Il suo processo di appropriazione, che parzialmente cancella i riferimenti estetici della sua fonte, crea i fotogrammi necessari per costruire la struttura narrativa del nuovo film. Il risultato è una raffinata e complessa operazione concettuale che genera un film ricco di riferimenti autobiografici e che crea un alter ego – nella figura del protagonista Rasco – di Oscar, il pusher protagonista di Enter the Void, il cui nome è evidentemente anagrammato.

Il film vede la collaborazione dell’artista Enrico Boccioletti per la colonna sonora originale ed il suono, e, per la sceneggiatura, di Ana Miranda Shametaj, della compagnia teatrale Kokoschka Revival.

Il vernissage sarà venerdì 15 luglio dalle ore 18, mentre il finissage avverrà in pieno festival, sabato 6 agosto, sempre dalle 18 e sarà seguito dalle ore 23 da un party alla rada in onore di Gaspar Noé ed Alessandro Di Pietro: una situazione che sarà arricchita da altre proiezioni e da concerti, su cui vi aggiorneremo più avanti. E’ importante segnalare che fino al 25 luglio è possibile anche visitare alla rada la sorprendente esposizione 1795: Kilo | 1960: Giga realizzata dai collettivi George Kilo e GIGA.

Il programma annuale della rada è supportato dalla Repubblica e Stato del Canton Ticino, tramite i fondi SwissLos / DECS. Ringraziamo caldamente anche Tognetti Auto.